Fondi Interprofessionali: che cosa sono e come si utilizzano

Scopri che cosa sono i Fondi interprofessionali e come possono essere utilizzati dalle aziende per finanziare la formazione dei propri dipendenti.
2/11/2023
Metodi creativi di finanziare la formazione

I Fondi Interprofessionali rappresentano un pilastro fondamentale per il finanziamento della formazione continua delle imprese italiane. In breve, costituiscono lo strumento che consente a qualsiasi azienda di investire nella crescita professionale dei propri dipendenti, senza dover sostenere oneri finanziari diretti.

Secondo un recente studio pubblicato da MobieTrain, la formazione rimane un elemento centrale all'interno della cultura aziendale, risultando di fondamentale importanza per il 90% delle aziende coinvolte nell'indagine. Inoltre, il 74% delle aziende intervistate colloca la formazione in una posizione di "livello elevato" o addirittura "massimo" nella loro scala di priorità. In un contesto in cui la formazione aziendale è tanto valorizzata, l'opportunità di offrire programmi formativi qualificati ai propri dipendenti, senza esborso economico, si configura come un vantaggio tangibile.

Che cosa sono i Fondi Interprofessionali e la normativa di riferimento

I Fondi Interprofessionali, formalmente noti come Fondi Paritetici Interprofessionali, sono organismi di natura associativa creati in collaborazione con organizzazioni datoriali e sindacali come Confindustria, CGIL, CISL e UI. La loro storia inizia nel 2000 grazie alla Legge 388, che ne decretò l’istituzione.

La normativa stabilisce che le aziende hanno la possibilità di destinare una quota pari allo 0,30% dei contributi versati all'INPS, noto come "contributo obbligatorio per la disoccupazione," a uno dei Fondi Interprofessionali di propria scelta.

Il contributo era originariamente previsto dalla Legge n. 845 del 1978, che aveva istituito un sistema di mutuo soccorso per sostenere i lavoratori in caso di disoccupazione.

I Fondi Interprofessionali sono soggetti ad una serie di rigorose attività di controllo, prima di tutto il monitoraggio e la supervisione, condotti da ANPAL per conto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Le Linee Guida sulla gestione delle risorse finanziarie assegnate ai Fondi Paritetici Interprofessionali di ANPAL sono rese disponibili grazie alla circolare 10/2018.

Questi strumenti forniscono un quadro normativo chiaro per le aziende che desiderano sostenere la formazione continua dei propri dipendenti attraverso i Fondi Interprofessionali.

Come funzionano e quali sono i Fondi Interprofessionali

Come accennato nel paragrafo precedente, l'adesione ai Fondi Interprofessionali offre alle imprese l'opportunità di destinare una quota fissa, equivalente al 0,30% dei contributi versati all'INPS, noto anche come "contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria," all’erogazione della formazione dei propri dipendenti.

Ogni azienda può recuperare questo contributo, destinandolo ad un Fondo Interprofessionale di sua preferenza. L'adesione a uno di questi fondi è totalmente gratuita per le imprese e può essere revocata in qualsiasi momento.

I Fondi Interprofessionali hanno 3 obiettivi principali

  1. Agevolare l'accesso alla formazione aziendale riducendo i costi per le imprese.
  2. Migliorare le competenze dei lavoratori per aumentare le opportunità di lavoro.
  3. Favorire la crescita e la competitività delle aziende e dell'intero sistema nazionale.

Nel 2023 si possono contare 19 Fondi attivi, di cui 16 sono dedicati al personale dipendente e 3 dedicati ai dirigenti.

I più scelti dalle aziende Italiane per finanziare la formazione dei dipendenti e quelli che convogliano anche la maggior parte delle risorse sono:

  • Fondimpresa
  • For.te
  • Fonarcom
  • Fondirigenti
  • Fondir

La scelta tra questi Fondi può dipendere da vari fattori, come le specifiche esigenze dell'azienda, il settore di attività e gli obiettivi di formazione.

Contattaci se hai bisogno di fare chiarezza

Quali sono gli strumenti di erogazione dei finanziamenti per la formazione finanziata?

I Fondi Interprofessionali mettono a disposizione delle aziende opportunità di finanziamento per i loro Piani Formativi attraverso due principali modalità: il Conto Formazione e l'Avviso.

  1. Conto Formazione: Con questa modalità, ciascuna azienda contribuisce versando una percentuale, solitamente fino all'80%, dello 0,30% dei contributi INPS da destinare alla formazione. Questi fondi accantonati possono poi essere utilizzati per la presentazione di Piani Formativi, sia a livello aziendale che interaziendale. Questo approccio è particolarmente adatto alle imprese medio-grandi, essendo direttamente legato al numero di dipendenti per i quali si versa la quota di accantonamento. Puoi trovare maggiori informazioni in questo articolo: Conto Formazione: Fondimpresa, ma non solo
  2. Avviso: Questa soluzione è basata su un approccio mutualistico e consente alle micro e piccole imprese di accedere a iniziative di formazione, anche se dispongono di risorse limitate nel Conto Formazione. L'Avviso utilizza procedure di evidenza pubblica per finanziare i Piani Formativi più meritevoli presentati da aziende o operatori della formazione. La selezione dei beneficiari avviene sulla base di criteri formali e di merito, garantendo un approccio equo ed efficiente nella distribuzione dei finanziamenti. Questo meccanismo offre anche alle imprese più piccole la possibilità di accedere a risorse finanziarie per sviluppare programmi di formazione di alta qualità, contribuendo così al miglioramento delle competenze dei loro dipendenti. Puoi leggere un esempio qui.

In un panorama aziendale in cui la formazione è sempre più cruciale, sfruttare i Fondi Interprofessionali non solo costituisce un vantaggio competitivo, ma dimostra anche l'impegno dell'azienda nel promuovere lo sviluppo professionale dei propri dipendenti. L'accesso a risorse finanziarie dedicate alla formazione consente di potenziare le competenze del personale, aumentare la produttività e promuovere un ambiente lavorativo focalizzato sulla crescita e l'innovazione.

Incoraggiare la formazione continua tramite i Fondi Interprofessionali è un investimento che paga dividendi in termini di miglioramento delle performance aziendali e di soddisfazione dei dipendenti. Ogni azienda dovrebbe esaminare attentamente questa opportunità e valutare come poter sfruttare al meglio questo strumento per il proprio vantaggio competitivo e il benessere dei propri lavoratori.

Scrivi un’email a info@formile.it per scoprire i corsi che puoi finanziare grazie ai Fondi Interprofessionali.

Condividi l'articolo
Il blog di Formile

Leggi anche

Alcuni articoli per te.

Come affrontare l’evoluzione tecnologica in una PMI

Le PMI possono affrontare l'evoluzione tecnologica adottando alcune strategie specifiche. Scopri quali.
24/1/2023

Credito d'imposta Formazione Industria 4.0: requisiti, quando e perché partecipare

Il credito d'imposta per la formazione 4.0 è un modo per le aziende di trasformare gli investimenti in formazione in benefici fiscali. Ti raccontiamo qualche dettaglio in più.
26/1/2023

Come coinvolgere i dipendenti nella formazione per massimizzare l'impatto

Sei alla ricerca di modi per massimizzare l'impatto della formazione aziendale? Ecco alcuni consigli pratici su come coinvolgere i dipendenti nella formazione per ottenere i migliori risultati.
9/5/2023

Hai ancora dubbi e domande?

Scrivici la tua mail, ti contatteremo per supportarti e ti terremo informato sui nostri sviluppi.
Abbiamo a cuore i tuoi dati, la tua mail non verrà divulgata.
Grazie mille! Ti contatteremo al più presto.
Oops! Qualcosa non è andato a buon fine.