Conto Formazione Fondimpresa: che cos’è e come funziona

Il Conto Formazione Fondimpresa costituisce un'importante risorsa per le aziende che intendono investire nella formazione dei propri dipendenti. Scopri come funziona!
7/2/2023

Con oltre 211.000 imprese partecipanti e più di 4 milioni di lavoratori, Fondimpresa è il Fondo Interprofessionale più vasto e conosciuto in Italia. Rappresenta un intermediario tra gli enti formativi e le aziende che necessitano di sviluppare le competenze dei propri dipendenti. Fondimpresa offre alle imprese associate tre distinti canali di finanziamento per la formazione, con l'obiettivo di favorirne il progresso costante. Questi canali includono: il conto formazione, il conto di sistema e il contributo aggiuntivo. In questo articolo, ci concentreremo sul conto Formazione, esaminandone a fondo il funzionamento e gli elementi meno chiari.

Un salvadanaio a forma di maialino sopra dei libri

Conto Formazione Fondimpresa

Ogni azienda che ha aderito a Fondimpresa dispone di un Conto individuale che può utilizzare per formare i propri dipendenti, chiamato Conto Formazione. Questo conto, riservato esclusivamente all'utilizzo dell'azienda, mette a disposizione risorse finanziarie che possono essere impiegate secondo le esigenze e le tempistiche dell'impresa stessa.

Nel dettaglio, all'interno del Conto Formazione, ciascuna azienda troverà accantonato il 70% o l'80% del contributo obbligatorio, pari allo 0,30% per ogni dipendente, versato all'INPS. Queste risorse possono essere impiegate per finanziare le iniziative formative dell'azienda e consentono di investire nel potenziamento delle competenze del proprio personale in modo flessibile e strategico.

> Leggi anche: I Fondi Interprofessionali minacciano l’efficacia della formazione aziendale?

Caratteristiche del conto formazione 

Il Conto Formazione di Fondimpresa costituisce un'importante risorsa per le aziende che intendono investire nella formazione dei propri dipendenti. Tuttavia, è essenziale comprendere appieno le sue caratteristiche per sfruttarne al meglio i vantaggi.

Prima di tutto il conto formazione non opera come un normale conto corrente. Sebbene le risorse finanziarie siano destinate a finanziare attività formative, l'azienda deve anticipare i costi di formazione e richiedere il rimborso successivamente, una volta presentato il rendiconto del piano formativo approvato dal fondo. Il processo di rimborso può richiedere dai 60 ai 90 giorni.

In secondo luogo, il Conto Formazione è suddiviso in due parti: il disponibile e il maturando. Il disponibile rappresenta il denaro già accantonato e immediatamente utilizzabile, mentre il maturando può essere impiegato in concomitanza con il disponibile o parzialmente per finanziare un progetto formativo. Tuttavia, fino a quando il maturando non diventa disponibile, non sarà possibile rendicontare il piano formativo e ottenere il rimborso, il quale solitamente avviene circa un anno dopo la presentazione del progetto.

Un altro elemento a cui occorre prestare attenzione è la scadenza delle risorse, che dal 2009 scadono due anni a partire dal 2009. Ogni due anni, quindi, Fondimpresa effettua un prelievo delle risorse accantonate: quelle non utilizzate nel Conto Formazione andranno a confluire nel Conto di Sistema. Questo prelievo non può essere evitato, a meno che non si presenti un progetto salva conto. 

Inoltre, il rimborso ottenuto da Fondimpresa non include l'IVA. Ad esempio, se il costo del progetto presentato al Fondo è di 3.000 euro, l'ente formatore emetterà una fattura per 3.660 euro, inclusa l'IVA. Fondimpresa rimborserà solo la somma di 3.000 euro, mentre l'IVA sarà a carico dell'azienda.

L’ultimo elemento da considerare è che il conto formazione Fondimpresa non è considerato come un tipo di finanziamento che rientra nei limiti stabiliti dalle normative de minimis e dal regolamento 651.

Ora che hai capito come funziona il conto formazione, come trovi il corso giusto da finanziare? Per quello ci siamo noi: scrivi a info@formile.it

Condividi l'articolo
Il blog di Formile

Leggi anche

Alcuni articoli per te.

5 trend per la formazione aziendale nel 2024

La formazione aziendale nel 2024 si conferma una strategia necessaria per le aziende, insieme ad alcune tendenze che vanno prese in considerazione.
5/3/2024

L’importanza della formazione aziendale: cosa succede se si procrastina?

La formazione aziendale è un asset strategico fondamentale per avere dipendenti coinvolti, motivati e competenti. Leggi l’articolo e scopri di più!
7/11/2023

MUD: novità e obblighi per le aziende

Il 2023 ha introdotto significative modifiche al MUD, con particolare attenzione alle scadenze di presentazione. Leggi l’articolo e scopri quali.
18/4/2023

Hai ancora dubbi e domande?

Scrivici la tua mail, ti contatteremo per supportarti e ti terremo informato sui nostri sviluppi.
Abbiamo a cuore i tuoi dati, la tua mail non verrà divulgata.
Grazie mille! Ti contatteremo al più presto.
Oops! Qualcosa non è andato a buon fine.